Conferenza Stampa – Maignan: ” Inizio la mia storia con il Milan. Sono concentrato e presente, Dida mi aiuterà”

Conferenza Stampa – Maignan: ” Inizio la mia storia con il Milan. Sono concentrato e presente, Dida mi aiuterà”

Finalmente Mike Maignan si è ufficialmente presentato nella sala stampa di Milanello. Il post Donnarumma è pronto a mettere in mostra le sue qualità. Ecco le sue parole.

L’ arrivo al Milan: “Ho sentito subito una bellissima atmosfera. Sono stato accolto molto bene. Tutti dobbiamo lavorare con grande professionalità e dobbiamo contribuire ai risultati di questo grande club”.

Gli elogi di Papin: “Sono molto orgoglioso delle sue parole. E’ una grande persona e lo ringrazio per questi complimenti. Il titolo del Lille l’abbiamo vinto però tutti insieme, non solo io”.

La pressione di sostituire Donnarumma e l’allenarsi con Dida: “Donnarumma ha fatto la sua parte e ha dato un grande contributo alla storia del Milan. Io però inizio la mia storia con il Milan e lavorerò duramente come ha fatto lui. Ho avuto dei contatti con Dida ovviamente: ha fatto una carriera splendida e sicuramente potrà aiutarmi a migliorare”.

Il suo pregio: “E’ il mio aspetto mentale. Sono sempre molto concretato e presente. Comunque sono qua per imparare e lo farò per tutta la mia carriera”.

Il possibile esordio contro il Nizza: “La preparazione per la partita di domani è stata intensa. Sicuramente sono pronto a giocare. Ci sono differenze tra le scuola francese e  italiano, ma sono ben disposto a imparare e crescere”.

I contatti con Maldini e Massara: “Quando sono stato contattato da loro due è stata una grande emozione e soddisfazione. Mi ha fatto piacere, anche perchè stavo concludendo un’ottima stagione. Ho confermato che ero pronto ad una nuova avventura con il Milan”.

Giocare in Serie A: “Come ho detto il Milan mi aiuterà molto e io aiuterò il club a ottenere i risultati. La Serie A è un campionato di grandi professionisti e questo campionato mi aiuterà a crescere”.

Sui francesi presenti in squadra: “E’ un’ottima cosa per me. Non dobbiamo dimenticare però che siamo in Italia e quindi già sto iniziando ad impararlo. Devo farlo velocemente”.

Su come è andata la trattativa: “Abbiamo discusso, ma bisognava aspettare le notizie su Donnarumma ed era giusto aspettare”.

Sull’importanza per un portiere di impostare il gioco: “Il calcio si è evoluto, ma forse il ruolo del portiere è quello rimasto il più classico, cioè quello di parare. Anche se il portiere può contribuire con l’impostazione del gioco e i rilanci, ma il compito principale resta quello di parare”.

Sulle sue qualità e come migliorarle: ” Sono numeri importanti ma sono il risultato di un lavoro di squadra. Posso migliorare ancora, Nelson mi aiuterà”.

Sulle altre squadre interessate: “E’ vero che sono stato contattato con la Roma, ma per me la trattativa con il Milan era partita”.

Sulle similitudini tra Milan e Lille sulla vittoria dello scudetto: “Perchè no? Siamo qui per vincere. Tutte le squadre partecipano per vincere, ma sarà la stagione a dire come andranno le cose. Ci vorrà molta concentrazione e motivazione”.

Sulle analogie tra Galtier e Pioli: “Per me è difficile fare un confronto. Sono entrambi grandi professionisti che danno grandi motivazioni e che fanno lavorare le squadra intensamente”.

Oppure seguimi su Twitch

Andrea Giacobbe