Milan-Modena, altra vittoria dei rossoneri

Milan-Modena, altra vittoria dei rossoneri

Milan-Modena è la seconda amichevole estiva del Milan dopo quella con la Pro Sesto. La squadra rossonera nel primo tempo impone subito la sua forza segnando tanti gol; nel secondo tempo il mister Pioli effettua tanti cambi e i ritmi si abbassano con la squadra che mantiene il risultato senza segnare ulteriori gol.

Milan-Modena: il riassunto della partita

Nei primi 45 minuti di gioco Pioli schiera i suoi giocatori migliori e c’è grande attesa soprattutto per Diaz dopo il ritorno in rossonero. Questa è la formazione iniziale: Tatarusanu; Gabbia; Tomori; Romagnoli; Hernandez; Bennacer; Tonali; Saelemaekers; Diaz; Kunic; Leao.

Il Milan alla seconda amichevole stagionale parte subito forte. Al secondo minuto, il nuovo numero 10 Brahim Diaz ha cominciato a dare spettacolo segnando un gol con la collaborazione di Theo Hernandez: passaggi tutti di prima e tocco di punta del trequartista. Il Milan sin da subito è molto aggressivo e impone il suo possesso di qualità mettendo le cose in chiaro dall’inizio. I rossoneri macinano gioco e dopo 4 minuti Gabbia effettua un bel tiro dalla destra e il portiere del Modena fa una grande parata. Il difensore classe 1999 si sta calando sempre di più nel ruolo di terzino.

Al quinto minuto il raddoppio del Milan con il gol di Leao di testa su ottimo cross dalla sinistra del solito Diaz che è ovunque nella partita. Prova una reazione timida il Modena ma è troppo inferiore ai rossoneri.

Dopo 8 minuti e 10 secondi il Milan fa il terzo gol con un bellissimo colpo di testa di Fikaio Tomori su cross di Bennacer, faro del centrocampo.

Dopo qualche minuto ci riprova Diaz con un tiro da fuori ma il portiere effettua un ottima parata; Al 18esimo minuto invece il Milan fa il quarto gol con Krunic dopo un cross di Leao dalla sinistra. Rade Krunic ritenuto sempre utile alla causa da Pioli nelle prime due amichevoli ha giocato da titolare come ala sinistra.

La squadra di Pioli continua a macinare gioco e a fare un pressing molto alto. Poi, dopo qualche minuto in cui il Milan non ha creato tante occasioni di da gol, ci pensa Theo Hernandez. Al 42esimo minuto una bella punizione sulla destra qualche metro fuori area; Tonali finta di giocare la punizione, poi il tocco di Bennacer per Theo che tira. Un missile terra aria per cui il portiere del Modena non può fare nulla.

Da evidenziare le ottime prestazioni di Gabbia, che si adatta con grande volontà e applicazione ad un ruolo che non è il suo e di Tonali, che sta mostrando tutte le sue qualità in queste prime uscite. Ci sono tante buone indicazioni per il mister.

Nel secondo tempo la formazione è la seguente: Tatarusanu; Conti; Gabbia; Caldara; Balo-Touré; Tonali; Robotti; Castillejo; Maldini; Hauge; Colombo.

Il Modena nel secondo tempo entra in maniera molto più aggressiva.

Al 60esimo esce Tonali ed entra Enrico Di Gesù: giocatore di cui parlano molto bene nell’area scouting dei rossoneri. Esce anche Gabbia con Stanga che si posiziona al suo posto.

Il Milan del secondo tempo è certamente meno aggressivo e con più errori tecnici e nella prima mezz’ora del secondo tempo solo i tiri di Colombo, Maldini e Castillejo dalla distanza possono pensare di impensierire il portiere. Nonostante questo sono da registrare alcune buone prestazioni. Balo-Touré molto propositivo e con buoni spunti: personalità e coraggio per il nuovo numero 5 rossonero. La sua aggressività in difesa ricorda Tomori quando è arrivato a Gennaio. C’era molta curiosità sul suo esordio. I due giovani a centrocampo Robotti e Di Gesù giocano con personalità e con ottime giocate. In questo secondo tempo entrano anche Plizzari al posto di Tatarusanu e Capone al posto di Robotti. Al minuto 85 gran tiro di Colombo su passaggio filtrante di Hauge ma non riesce a segnare.

Alla fine, la partita finisce 5-0 con i gol segnati tutti nel primo tempo. C’era grande curiosità anche per Pobega le cui quotazioni per la permanenza in rosa si stanno alzando ma non è entrato ed è rimasto a guardare i compagni.

Oppure seguimi su Twitch

Dario Marchesini