Pioli: “Serata storta: colpa nostra e dell’arbitro. Ora pensiamo alla prossima, campionato lungo”

Pioli: “Serata storta: colpa nostra e dell’arbitro. Ora pensiamo alla prossima, campionato lungo”

Stefano Pioli ha parlato a Dazn dopo la sconfitta del Milan contro lo Spezia (1-2). Ecco le sue parole:

Sull’errore di Serra: “Ho provato a calmare i giocatori e non ci sono riuscito, ma non ci sono riuscito. Sapevamo di aver subito un torto. Peccato, le responsabilità sono nostre per il gol subito, ma vanno divise con la direzione arbitrale. Strano, perché non aveva mai fischiato i mezzi falli. Non dovevamo finire 1-0 il primo tempo, abbiamo avuto occasioni per vincerla. Una serata storta”.

Sulla partita: “Quando crei 7-8 palle gol, vuol dire che sei dentro la partita. Provedel ha fatto tante parate. Abbiamo avuto delle difficoltà nel secondo tempo, ma abbiamo avuto le situazioni per vincerla. E poi l’abbiamo persa”.

Sullo Spezia bestia nera: “Non ci deve condizionare. È una battuta a vuoto che non ci voleva. Abbiamo fallito un’occasione. Non siamo riusciti a prendere una vittoria che volevamo e dobbiamo pensare alla prossima partita. Tutti possono avere una giornata storta e dobbiamo tornare a correre forte”.

Su Bakayoko e Krunic: “Abbiamo costruito con Baka tra le linee. Ci sta che non avessero del tutto i meccanismi perfetti. Dopo una sconfitta del genere è un bene avere delle partite pesanti come Juventus e Inter che ci serviranno a rialzarci”.

Sul reagire al torto subito: “Deve essere così. Dopo una partita così negativa nel risultato e per come è arrivata, dobbiamo reagire. Non meritavamo la sconfitta. Dobbiamo far meglio sul primo gol subito. Le partite si possono vincere anche 1-0”.

Oppure seguimi su Twitch
Luigi Mazziotti

Luigi Mazziotti

Sono Luigi Mazziotti e sono un laureato in Scienze della Comunicazione. Da sempre sono appassionato di calcio e di telecronache, tanto che fin da bambino, toglievo l'audio ai videogame per fare io la telecronaca. Da sempre ligio al lavoro sogno che la mia passione diventi il mio lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.