Milan-Torino 0-0, 120 minuti non bastano: Chala e Tatarusanu decisivi dal dischetto

Milan-Torino 0-0, 120 minuti non bastano: Chala e Tatarusanu decisivi dal dischetto

Dopo 120 minuti e 10 calci di rigore, il Milan supera il Torino e accede ai quarti di finale di Coppa Italia. Dove affronterà la vincente di Fiorentina-Inter.

Milan-Torino, primo tempo: poche emozioni e ritmi compassati, a vincere è l’equilibrio

Remake dell’ultima giornata di campionato a San Siro, per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Sabato sera a spuntarla fu il Milan, grazie alle reti di Leao e Kessie. Ed ora gli uomini di Pioli, vogliono continuare a vincere anche in coppa.

Rispetto a pochi giorni fa però, entrambe le squadre si presentano in campo con molte seconde linee. Soprattutto il Torino di Giampaolo, che nel prossimo week-end dovrà affrontare la fondamentale sfida salvezza contro lo Spezia. Questo condiziona parecchio l’avvia di gara, lento e compassato. Dove a vincere è soprattutto la tattica. Così l’unico tentativo della prima parte di primo tempo, porta la firma di Rincon al 12′. Ma è più che altro un tentativo di alleggerimento, per evitare una ripartenza avversaria, e si spegne molto al di sopra della traversa.

Per tutto il primo tempo è il Milan ad produrre gioco e avere la supremazia nel possesso palla, anche se spesso è sterile. Il Toro di contro, quando riesce a ripartire, riesce a creare pericoli. Come al 24′ quando Zaza conclude in scivolata, ma tra le braccia di Tatarusanu. Portiere rumeno che invece deve metterci parecchio del suo al 38′, per disinnescare un sinistro dal limite di Gojak.

Alla prima vera occasione però, il Milan può subito andare in vantaggio. Al 30′ è Ibra ad avere sui piedi la palla dell’ 1-0. Ma stranamente lo svedese non centra la porta da dentro l’area, anche se la sua posizione sarebbe stata da rivedere. Il primo tempo termina quindi con un crescendo di occasioni e ritmo, ma sempre sul risultato di 0-0.

Milan-Torino, primo tempo

Milan-Torino, secondo tempo: rossoneri sfortunati e imprecisi, persiste la parità

Nella ripresa Pioli inserisce subito Calhanoglu e Hauge per Catillejo e Ibra, con Leao che torna a fungere da punta centrale. Con il cambio di posizione, il portoghese risorge dopo una prima parte anonima. Ed è proprio lui al 50′ a presentarsi davanti a Milinkovic-Savic, dopo un’imbucata di Diaz. Ma il suo tiro centra in pieno il portire granata.

Ma è tra il 55′ e il 60′, che il Milan da il via ad una serie di sfuriate quasi letali. In questo frangente i rossoneri sono anche sfortunati, e centrano il palo con Dalot prima e Calabria poi. E se ai due legni si aggiungono anche una gran parata di Milinkovic, e i tentativi di Calhanoglu e Hauge, il Torino può certamente tirare un gran sospiro di sollievo per essere rimasto in partita.

Anche nel finale il tema della partita non cambia. Il Milan continua ad offendere, mentre il Torino difende e si affida alle ripartenze. Anche se Zaza è troppo spesso lasciato solo in mezzo ai difensori rossoneri. E i suoi unici tentativi, arrivano dalla lunghissima distanza.

All’85’ è Brahim Diaz ad avere l’occasione per decidere partita e qualificazione. Ma a tu per tu con il portiere l’ex Real Madrid, alza troppo la mira. Così ancora una volta tra Milan e Torino non bastano 90 minuti e si va ai supplementari.

Milan-Torino secondo tempo

Milan-Torino, tempi supplementari:

Nei tempi supplementari, a partire il meglio è il Torino. Subito al tiro con il neo entrato Belotti. Ma poi è sempre il Milan ad attaccare ai fianchi i granata, che accusano anche molta stanchezza. La squadra di Giampaolo però si chiude bene all’interno della propria area, e l’occasione più pericolosa nel primo tempo, nasce da un tiro da fuori di Calhanoglu.

Alla fine dopo 120 minuti tiratissimi, nemmeno i supplementari sono in grado di dare un responso definitivo. E a decidere chi tra Milan e Torino sfiderà la vincente di Fiorentina-Inter, sono i calci di rigore.

Milan-Torino, calci di rigore: 5-4

Milan: Kessie (gol); Theo (gol); Tonali (gol); Romagnoli (gol); Calhanoglu (gol)

Torino: Belotti (gol); Lukic (gol); Lyanco (gol); Rincon (parato); Milinkovic-Savic (gol)

leggi anche: Milan-Torino, le formazioni ufficiali

leggi anche: Mercato, Conti ad un passo dalla Fiorentina

Oppure seguimi su Twitch
Matteo Ponciroli

Matteo Ponciroli