Milan, troppo Ibradipendente: attacco che fa fatica

Milan, troppo Ibradipendente: attacco che fa fatica

Il gol di Jens Petter Hauge ha reso meno amaro il lunch match tra Milan e Sampdoria permettendo ai rossoneri di ottenere il pareggio. Ibra invece contro la Samp è apparso stanco ma non si può incolpare solo lo svedese. L’attacco fa fatica.

O IBRA O NIENTE – Se non segna Ibra, non segna nessuno. E pensare che Hauge ha un solo gol in meno di Leao e Rebic . Pioli ha forse pensato che Calhanoglu e Ibra potessero dare la stoccata vincente. Forse con Rebic dal primo minuto le cose sarebbero cambiate ma non lo si può sapere.

ALLA RICERCA DEI GOL PERDUTI – Puntare tutto su Zlatan per centrare la Champions non può essere la soluzione. Sia Rebic che Leao e si spera Mandzukic devono dare di più. La Champions è alla portata ma occhio alle inseguitrici. Sicuramente il reparto offensivo rossonero deve essere rivisto in previsione della prossima stagione. Se Ibra rinnoverà potrà garantire la doppia cifra? Possibile ma servono più goal anche da altri uomini d’attacco. Intanto però i goal sono indispensabili ora perchè il Milan ha troppo bisogno di tornare in Champions.

Oppure seguimi su Twitch
Andrea Giacobbe

Andrea Giacobbe