Mandzukic e la maledizione del 9: dopo Inzaghi solo flop

Mandzukic e la maledizione del 9: dopo Inzaghi solo flop

Mario Mandzukic ha scelto la maglia numero 9, ora toccherà a lui sfatare la “maledizione” e ridare lustro alla grande tradizione di bomber in rossonero.

Dopo Inzaghi, infatti, nove giocatori hanno vestito questa maglia ma nessuno di loro ha convinto pienamente:

Alexandre Pato: (1 gol ogni 171′) Subito dopo l’addio al calcio di Pippo Inzaghi, la maglia numero 9 viene ereditata da lui. Dopo 5 stagioni con la 7 sulle spalle il Papero decide di cambiare: è l’inizio della fine, tanti infortuni e 2 reti in sei mesi, poi l’addio

Alessandro Matri: (1 gol ogni 933′) Nell’estate del 2013 il Milan riporta Matri in rossonero, dopo l’esperienza in giovane età (dove aveva collezionato solo 71′ in A). Quella dell’ex bomber del Cagliari è però la peggior media del post-Inzaghi, solo un gol contro il Parma

Mattia Destro: (1 gol ogni 281′) Celebre la citofonata di Adriano Galliani per portare Mattia Destro in rossonero. La punta, prelevata dalla Roma, non lascia il segno: primo gol contro l’Empoli e ultimo contro la Fiorentina, in mezzo la rete contro la Roma. Tre gol sono troppo pochi per riscattarlo e dopo 6 mesi la punta torna alla base

Fernando Torres: (1 gol ogni 592′) La prima da titolare è a Empoli dove Torres sigla l’unico gol della sua esperienza al Milan. Solo 10 presenze per lo spagnolo che dopo 6 mesi va all’Atletico Madrid

Luis Adriano: (1 gol ogni 271′) L’attaccante brasiliano viene prelevato dallo Shakhtar per 8 milioni di euro. Segna all’esordio contro il Perugia in Coppa Italia. Ancora l’Empoli protagonista, come Destro e Torres, per Luis Adriano che sigla il suo primo gol in campionato contro i toscani. Le sue sole 6 reti però fanno terminare presto l’esperienza rossonera, dopo un anno e mezzo infatti passa allo Spartak Mosca

Gianluca Lapadula: (1 gol ogni 170′) Le tanti reti in Serie B siglate da Lapadula convincono il Milan a puntare su di lui. La punta segnerà 8 gol in 29 presenze. Una media non esaltante ma che rimane la migliore del post Inzaghi

Andrè Silva: (1 gol ogni 202′) Il Milan s’innamora del portoghese che al Porto fa faville, spende 40 milioni di euro per portare Andrè Silva in rossonero. Le grandi aspettative, però, vengono anche in quest’occasione ampiamente infrante: il lusitano riesce a lasciare il segno con continuità solo in Europa League (8 gol in 14 partite), mentre in campionato trova appena due reti

Gonzalo Higuain: (1 gol ogni 230′) Il Pipita è reduce da 111 gol tra Napoli e Juventus e il Milan sceglie lui per rompere la maledizione. Ma anche l’esperienza di Higuain è tutt’altro che felice: 6 reti in campionato, cui vanno aggiunti 2 centri in coppa: media parecchio deludente, prima dell’addio anticipato a gennaio

Krzysztof Piatek: (1 gol ogni 269′) il dopo Higuain è del polacco che all’inizio sceglie la 19, proprio per paura della maledizione. Con la 19 Piatek ha una media di 1 gol ogni 180′. Alla fine dei primi 6 mesi in rossonero il polacco sceglie di prendere la 9: chiudendo con una rete ogni 269’ giocati, per un totale di 41 presenze e 16 gol tra Serie A e Coppa Italia

Ora toccherà a Mario Mandzukic e tutti i tifosi del Milan si augurano che la maledizione finisca

Oppure seguimi su Twitch
Luigi Mazziotti

Luigi Mazziotti

Sono Luigi Mazziotti e sono un laureato in Scienze della Comunicazione. Da sempre sono appassionato di calcio e di telecronache, tanto che fin da bambino, toglievo l'audio ai videogame per fare io la telecronaca. Da sempre ligio al lavoro sogno che la mia passione diventi il mio lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.