Leao non supera l’esame United: portoghese rimandato e posizione da rivedere

Leao non supera l’esame United: portoghese rimandato e posizione da rivedere

Rimandato: Rafael Leao non supera l’esame United ma non è certo da bocciare. Il portoghese infatti è stata l’unica nota stonata, in una bellissima sinfonia rossonera, che per larghi tratti della partita ha ammutolito i diavoli rossi di Manchester.

Leao contro lo United:

Il classe 99′, per le tante assenze, è stato costretto a giocare da prima punta, come spesso accade quando le sue prestazioni non convincono. Le potenzialità del portoghese sono sotto gli occhi di tutti, e quando è stato in messo in condizione, le ha mostrate spesso e volentieri. Ma quel che gli manca ancora, forse, è la giusta collocazione in campo.

Nel pre partita di Manchester, Maldini ha ammesso: “Lui non è ne un esterno ne una prima punta, ha sempre giocato in una posizione ibrida, partendo da attaccante ma con il compito di allargarsi…”. Per fare il salto di qualità allora, Leao deve decidere cosa vuole fare da grande, anche se nell’immediato, è abbastanza chiaro come si trovi più a suo agio partendo dall’esterno.

Come successo ieri invece, quando Leao si ritrova a sostituire Ibra, viene troppo spesso estraniato dal gioco. E soprattutto, ancora pecca in quella malizia, tipica delle grandi prime punte, che ti porta a sfruttare al meglio ogni potenziale occasione. Il gol annullato ieri sera al portoghese dopo 6 minuti per esempio, nasce da un azione in cui è rimasto sempre e costantemente in fuorigioco. Ma solo ad un metro dall’ultimo difensore. Un passo praticamente, un solo piccolo passo all’indietro, che sarebbe potuto essere determinante.

Insomma Pioli, senza alternative, è stato costretto a schierare l’ex Lille la davanti, e lui ha steccato. Anche se per ora, il ragazzo è solo rimandato…

leggi anche: Manchester United-Milan, le pagelle

Oppure seguimi su Twitch
Matteo Ponciroli

Matteo Ponciroli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.