Eranio a TMW: “Dispiaciuto per Donnarumma”

Eranio a TMW: “Dispiaciuto per Donnarumma”

Stefano Eranio, ex calciatore rossonero vincitore di 3 scudetti, una Champions League, 3 Supercoppe italiane e una Supercoppa europea tra il 1992 ed il 1997, ha parlato dell’attuale momento che sta vivendo il Milan tra perdite dolorose e obiettivi di mercato per il futuro. Riportiamo di seguito la sua intervista a TMW.

Su Donnarumma e Calhanoglu: ” “Mi disipiace molto per la partenza di Donnarumma. Pensare che il portiere se ne va a parametro zero dopo che è stato cresciuto e coccolato fa male. Peraltro come primo contratto gliene era stato fatto uno non certo banale; lo sforzo della società è stato fatto. Certo con un agente come Raiola che la fa da padrone diventa difficile. Ma questa situazione deve finire, il calcio non può essere così. Le società si trovano a dover gestire giocatori che a volte sono del tutto normali e che pretendono contratti da top player”.

Sull’attuale situazione del Milan: “Oggi il Milan si è indebolito: Calhanoglu non è un top player ma è comunque un giocatore duttile che fa sempre il suo. Ci si aspettava da lui qualche gol in più ma ne ha fatti pochi”.

Su Giroud: “Gran giocatore, si parla in questo caso di un calciatore esperto e che ha ancora tanto da dare, certamente prenderesti una pedina che può sostituire Ibra ma anche giocare con lui. E’ un uomo d’area e la riempie. Ibra invece va più in giro per il campo: con tutti e due là davanti c’è sempre un riferimento che ti fa giocar bene”.

Sull’interessamento del Milan per Kaio Jorge: “Kaio Jorge non lo conosco a fondo. Ci sono comunque giocatori che arrivando dall’estero devono ambientarsi e fare i conti con le nostre marcature asfissianti, con il tatticismo esasperato. Io andrei più su calciatori abituati al nostro campionato e mi piacerebbe molto Luis Alberto, elemento di grande qualità. Tornando ad Ibra gli è stato fatto un contratto da 7 milioni ma è unico. Io penso che i soldi vadano dati a chi fa la differenza. Calhanoglu non poteva far la differenza e poteva accontentarsi di quel che gli offriva il Milan: non che per un milione va via e tra l’altro all’Inter, non esiste ma più di tutti come detto dispiace per Donnarumma”.

Oppure seguimi su Twitch
Fabrizio Febi

Fabrizio Febi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.