Gotti: “Rigore a tempo scaduto che mi manda in bestia! Se fosse successo ad altre squadre…”

Gotti: “Rigore a tempo scaduto che mi manda in bestia! Se fosse successo ad altre squadre…”

Luca Gotti, allenatore dell’Udinese, ha parlato a Dazn, subito dopo il pareggio per 1-1 contro il Milan.

Ecco le sue dichiarazioni:

“Dire che abbiamo accarezzato l’ideadi vincere è poco. L’epilogo è di quelli che non fanno dormire. Rigore, in quel modo e a recupero finito. Se succede all’Udinese non si dice nulla, però… Non è una cosa normale che si giochi ancora. Per l’errore del difensore, lo chiederò a lui. Era ovvio che venissimo a fare una fase difensiva difficile, nel senso che venire qui ti costringe a fare fase difensiva. A volte l’abbiamo fatta bene, altre volte eravamo precipitosi senza consolidare il possesso, che ci avrebbe aperto spazi. Non l’avevamo preparata come partita difensiva, ma perché succedesse ciò che è successo. Siamo rimasti anche in dieci per un evento sfortunato e poi il finale lasciamo stare… Il cross arriva a 95′ 02″, vogliamo che finiscano sempre le azioni allora. Sono incazzato, ci può stare. Mi è dispiaciuto perdere la qualità di Pereyra in quel momento perché ci avrebbe fatto bene, perché ogni volta che il Milan faceva un’azione c’erano i presupposti per consolidare il possesso. Prima Pereyra, poi rimaniamo in dieci. Un susseguirsi di eventi che hanno modificato il finale della partita in modo che non mi era prevedibile. Andiamo a casa con il nostro punto, ce lo teniamo strettissimo. Importante, come tutti, a maggior ragione a San Siro e contro questo Milan. Sono consapevole anche del fatto, che è la parte più bella, che non siamo venuti in gita e a fare bella figura. Quando si giocano queste partite è facile fare bella figura giocando negli spazi. Ma difficilmente torni con punti. Oggi noi al 95’ ne avevamo tre in tasca”.

Oppure seguimi su Twitch
Luigi Mazziotti

Luigi Mazziotti

Sono Luigi Mazziotti e sono un laureato in Scienze della Comunicazione. Da sempre sono appassionato di calcio e di telecronache, tanto che fin da bambino, toglievo l'audio ai videogame per fare io la telecronaca. Da sempre ligio al lavoro sogno che la mia passione diventi il mio lavoro