Cagliari – Milan, le pagelle: Ibra torna Cadabra e che Calabria!

Cagliari – Milan, le pagelle: Ibra torna Cadabra e che Calabria!

Il Milan ha battuto 2-0 il Cagliari in trasferta, grazie ad una doppietta di Ibrahimovic.

Ecco le pagelle dei rossoneri:

Donnarumma 6,5 – Anche lui mette la firma sul successo del Milan. Bravo ad ipnotizzare Simeone, si esalta poi sul colpo di testa di Cerri sul finire di gara, blindando lo 0-2.

Calabria 7 – Cresce di partita in partita. Non sbaglia praticamente nulla, ormai gioca da veterano sia da terzino che da centrocampista. E se poi fa anche gli assist… e che assist!

Kjaer 6 – Non era al meglio e si è notato in un paio di circostanze, esce alla fine del primo tempo per una lombosciatalgia che lo limita nelle ultime partite (dal 1’st Kalulu 6,5 – Perfetto sul gioco aereo, Pioli gli chiede di giocare d’anticipo e lui esegue. Una piacevole sorpresa che può solo crescere)

Romagnoli 6 – Non soffre mai Simeone ma mezzo voto in meno per l’ammonizione evitabile che gli farà saltare la delicata sfida contro l’Atalanta

Dalot 6 – L’assenza di Theo si sente soprattutto in fase offensiva. Il terzino ci prova ma cala vistosamente nella ripresa. Partita sufficiente ma il margine di miglioramento è assai ampio

Tonali 6 – prestazione ordinata ma il miglior Tonali è ancora lontano in fase d’impostazione. Sta crescendo ma può fare ancora meglio (dal 27’st Meitè 6 – Buona prova del nuovo acquisto del Milan che cerca di alzare il pressing e dà una mano alla squadra nel frattempo rimasta in 10. Sarà una risorsa)

Kessiè 7 – Altra partita sontuosa dell’ivoriano che annulla fisicamente Nainggolan. Molto bravo nel gestirsi: si vede anche in zona offensiva ma quando serve

Castillejo 6,5 – Corre per tutta la partita, forse questo lo limita un po’ in fase offensiva e nell’uno contro uno. Ma è fondamentale in fase di non possesso quando si abbassa nei 4 di centrocampo, dando una mano alla squadra rimasta in inferiorità numerica

Diaz 6,5 – Non fa rimpiangere Calhanoglu. Gran partita del talento rossonero, impreziosisce la sua gara con l’assist a Ibra in verticale, quando lo svedese si procura il rigore (dal 38’st Conti sv – Il terzino del Milan, non è stato il Conti dell’Atalanta nella sua esperienza in rossonero ma un professionista serio, un grosso in bocca al lupo per la sua nuova esperienza al Parma)

Hauge 5,5 – Prestazione non continua, alterna buone giocate a momenti dove sparisce dalla partita, forse perché non è al top fisicamente. Sicuramente non è l’Hauge dell’Europa League dove si esalta, forse perché ci sono più spazi (dal 20′ st Saelemaekers 4 – rientrava dopo una lunga assenza, rimedia due gialli in 8 minuti. Ingenuo anche perché poteva essere prezioso contro l’Atalanta in un momento di emergenza. Ha già chiesto scusa negli spogliatoi ma l’ingenuità resta grave)

Ibrahimovic 8 – Semplicemente migliore in campo. Quanti anni ha? Quasi 40? Lotta, fa gol, viene a prendersi palla e sfiora anche la tripletta. Sigla la sua quinta doppietta stagionale e trascina il Milan. Il leader è mancato ma ora Ibra, dopo 57 giorni di assenza, è tornato Cadabra

Oppure seguimi su Twitch
Luigi Mazziotti

Luigi Mazziotti

Sono Luigi Mazziotti e sono un laureato in Scienze della Comunicazione. Da sempre sono appassionato di calcio e di telecronache, tanto che fin da bambino, toglievo l'audio ai videogame per fare io la telecronaca. Da sempre ligio al lavoro sogno che la mia passione diventi il mio lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.